Free delivery in Italy from 100,00 €
  • Shopping Cart

    Cart is empty

    Free shipping in Italy for orders over 100,00€

    Do you have a Coupon? Please login and redeem it from cart.

Slovacchia

 

 

Nel 1993, gli stati indipendenti della Slovacchia e della Repubblica Ceca sono stati costituiti dall’ex intero stato della Cecoslovacchia. La viticoltura ha una storia comune che risale ai Celti.

Le regioni vinicole della Slovacchia si trovano principalmente nel sud al confine con l’Austria e l’Ungheria.

Lungo questi confini, i vigneti formano una striscia di terra lunga circa 60 chilometri, in gran parte lungo gli affluenti del Danubio, Nitra (Neutra) e Váh (Váh) intorno alla capitale Bratislava. Il clima è continentale con estati calde e inverni freschi con precipitazioni moderate. Due terzi dell’area produce vini bianchi e un terzo vini rossi. Ad oggi, oltre alle esportazioni nella Repubblica Ceca, la maggior parte del vino viene consumato nel paese. Le principali varietà sono Grüner Veltliner, Welschriesling bianca, Blaufränkisch, Furmint, Juhfark. Ben noti villaggi vitivinicoli sono Hurbanovo, Levice, Modra (con scuola di viticoltura), Nitra, Nove Zamky, Pezinok, Raca, Sahy, Sered, Sobota, Trnava e Zlaté Moravce. Una caratteristica speciale è la piccola area all’estremo est, che confina direttamente con il Tokaj-Hegyalja ungherese. Qui, nei tre villaggi (ex ungheresi) di Kistoronya, Szõlõske e nella parte slovacca di Sátoraljaújhely, si produce vino in stile Tokaj. Dopo anni di controversie, i due paesi hanno finalmente concordato all’inizio del 2003 che questi vini prodotti nell’area di 172 ettari potessero portare la denominazione di origine Tokaji (l’Ungheria ha rifiutato di farlo per altri quattro comuni rivendicati dalla Slovacchia).

 

Scopri di più sui nostri canali